Kefir: un probiotico miracoloso

La parola Kefir deriva dal turco “keif” che letteralmente si traduce “sentirsi bene”.

Il Kefir è una bevanda fermentata e contiene ceppi di lieviti e batteri benefici (in relazione simbiotica) che conferiscono al kefir proprietà antibiotiche.

In Russia, è una bevanda popolare, un drink effervescente, talvolta lievemente alcolico, attraverso la fermentazione del latte di mucca, capra, pecora o (per i più puristi), latte di cocco.

Il Kefir proviene dalle montagne del Caucaso e la varietà di batteri benefici rende il kefir uno dei più potenti cibi probiotici disponibili.

Oltre a numerosi ceppi, il kefir è ricco in vitamine, minerali ed amino acidi.

Contiene tiamina, vitamina B12, calcio, magnesio, fosforo, folati e vitamina K2. E’ inoltre un’ottima risorsa di biotina (un tipo di vitamina B che aiuta ad assimilare altra vitamina B).

Nel tempo, al kefir sono stati attribuiti poteri guaritori, quasi miracolosi.

Il prodotto finito non è come un vero e proprio yogurt, ma ha un sapore più acido, rinfrescante e contiene microrganismi differenti.

Il kefir non nutre i lieviti, e solitamente non provoca fastidi in persone intolleranti al lattosio.

Questo succede poiché i lieviti ed i batteri benefici che fermentano nel kefir, consumano la maggior parte del lattosio presente e producono enzimi molto efficienti (lattasi) al fine di eliminare qualsiasi parte di lattosio ancora rimasta una volta terminato il processo di fermentazione.

I benefici del Kefir

Il Kefir viene prodotto attraverso la fermentazione di granuli (somiglianti a cristalli) gelatinosi di colore giallo o bianco. I granuli contengono un mix di batteri e lieviti mischiati a caseina (proteine del latte) ed “ospitati” da un polisaccaride. Nessun altra coltura da latte è in grado di formare granuli, facendo del Kefir qualcosa di unico.

Senza pastorizzazione o refrigerazione, il latte si inacidisce e si separa spontaneamente.

Questo è dovuto al processo di latto-fermentazione durante il quale i batteri che producono acido lattico iniziano a digerire sia il lattosio (zucchero del latte) che la caseina (l’elemento generalmente di più difficile digestione per gli intolleranti).

Quando questi batteri hanno prodotto abbastanza acido lattico per disattivare tutti i batteri putrefattivi, il latte è effettivamente preservato dall’andare a male per svariati giorni o settimane.

L’enzima lattasi prodotto durante il processo di fermentazione permette a molte persone che sono sensibili o intolleranti al latte fresco di tollerare il kefir. Inoltre, il contenuto sia di vitamina B che vitamina C aumentano durante la fermentazione.

Inoltre, una porzione di proteine del latte (caseina) viene decomposta, liberando gli amino acidi di cui è formata.

Alcune ricerche dimostrano che le proteine dello yogurt sono digerite due volte più velocemente di quelle del latte non fermentato.

La fermentazione del latte lo rende maggiormente assimilabile in una persona con intolleranza al lattosio, poiché una buona parte del lattosio viene trasformata in acido lattico a perché la presenza dell’enzima lattasi nel latte fermentato contribuisce alla digestione all’interno del tratto digestivo.

Durante la fermentazione dei prodotti con latte, dal 30% al 40% del lattosio viene “consumato”.

Purtroppo, l’attività degli enzimi benefici che contribuiscono alla digestione del lattosio nell’intestino è molto ridotta nei prodotti pastorizzati (processo attraverso cui molti degli enzimi muoiono).

Si narra che un tipo di yogurt fu rivelato ad Abramo da un angelo; mentre l’introduzione del kefir (secondo alcuni studi di William H. Lee) è stato accreditato a Maometto, ecco perché i granuli di Kefir sono chiamati anche “granuli del profeta Maometto”.

Altre bevande simili sono il Koumiss preparato in Russia con latte di cavallo, il Longfil nei paesi Scandinavi (Kjaeldermelk in Norvegia),  il Laban in Estremo Oriente, il Dahi in India, ed in Islanda il Syra (diluito con acqua e bevuto oppure utilizzato per la conservazione di alcuni cibi).

Un vecchio contadino, Old Tom Parr, di cui si narra (con alcune contraddizioni) sia vissuto fino all’età di 152 anni e 9 mesi a cavallo tra il 1400 ed il 1600, pare si nutrisse quasi esclusivamente attraverso l’assunzione di formaggio, latte in ogni forma, farinacei in piccole quantità e siero del latte.

Per gli intolleranti al latte (anche dopo la fermentazione), vale la pena provare con il kefir d’acqua.

QUANTI TIPI DI KEFIR ESISTONO E DOVE COMPRARLO

  • Granuli di Kefir d’acqua
    Non vengono venduti nei negozi. Vengono solitamente passati da amici, oppure si possono acquistare su eBay. Si tratta di un piccolo investimento una tantum. I granuli, se ben trattati aumenteranno ad ogni fermentazione e potrete regalare quelli in eccesso ai vostri amici.
  • Granuli di Kefir di latte
    Sono simili a quelli d’acqua ed anche questi si possono acquistare su eBay. Come gli altri, basta acquistarli una sola volta e se fermentati con regolarità si rigenereranno continuamente. Con questi granuli è possibile preparare anche il kefir di yogurt
  • Kefir liofilizzato (sia da acqua che da latte che da yogurt)
    Si può acquistare online (QUI) oppure si trova generalmente nei negozi biologici.
  • Kefir drink già pronto in bottiglia
    La forma “peggiore”. Generalmente, per esigenze commerciali questi prodotti non sono mai fermentati abbastanza con il risultato di contenere pochissimi batteri buoni rispetto alle bevande fatte in case. Inoltre, viene aggiunto zucchero ed altri dolcificanti per rendere il drink più appetibile.

DIFFERENZE DI CEPPI BATTERICI TRA KEFIR D’ACQUA E DA LATTE

Uno studio del 2008 ha rivelato la presenza di batteri benefici nelle bevande prodotto dalla fermentazione del kefir d’acqua e da latte. Queste le differenze.

BATTERI IN KEFIR D’ACQUA

  • Lactobacillus brevis
  • Lactobacillus casei
  • Lactobacillus hilgardii
  • Lactobacillus hordei
  • Lactobacillus nagelii
  • Leuconostoc citreum
  • Leuconostoc mesenteroides
  • Acetobacter fabarum
  • Acetobacter orientalis
  • Streptococcus lactis
  • Hanseniaospora valbyensis
  • Lachancea fermentati
  • Saccharomyces cerevisiae
  • Zygotorulaspora florentina

BATTERI IN KEFIR DA LATTE

  • Lactobacillus acidophilus
  • Lactobacillus brevis
  • Lactobacillus casei
  • Lactobacillus delbrueckii bulgaricus
  • Lactobacillus delbrueckii delbrueckii
  • Lactobacillus delbrueckii lactis
  • Lactobacillus helveticus
  • Lactobacillus kefiranofaciens
  • Lactobacillus kefiri
  • Lactobacillus paracasei paracasei
  • Lactobacillus plantarum
  • Lactobacillus rhamnosus
  • Lactobacillus sake
  • Lactococcus lactis cremoris
  • Lactococcus lactis lactis
  • Lactococcus lactis
  • Leuconostoc mesenteroides cremoris
  • Leuconostoc mesenteroides dextranicum
  • Leuconostoc mesenteroides mesenteroides
  • Pseudomonas
  • Pseudomonas fluorescens
  • Pseudomonas putida
  • Streptococcus thermophilus
  • Candida humilis
  • Kazachstania unispora
  • Kazachstania exigua
  • Kluyveromyces siamensis
  • Kluyveromyces lactis
  • Kluyveromyces marxianus
  • Saccharomyces cerevisiae
  • Saccharomyces martiniae
  • Saccharomyces unisporus

Le differenze sono evidenti. E in termini di varietà batterica, il kefir da latte stravince.

L’unica cosa importante da notare è che in presenza di problemi autoimmuni, secondo l’autore Jordan Rubin, il kefir da latte contiene Streptococcus thermophilus, che se assunto in dose eccessive (2 bicchieri al giorno) può aggravare i sintomi della malattia.

PREPARAZIONE DEL KEFIR  E RICETTE

Ecco 2 video-lezioni ed un tutorial per la preparazione del Kefir d’acqua e da latte.

Lezione 1: come fermentare i granuli di kefir d’acqua (I° parte)

Lezione 2: il filtraggio del kefir d’acqua (II° parte)

Tutorial: come fermentare i granuli di kefir di latte

Per la fermentazione, utilizzare materiale di plastica o vetro (contenitori, colini, cucchiai) per evitare che l’acidità del kefir corroda il metallo ed alcuni componenti del metallo finiscano nel prodotto.

QUALE LATTE UTILIZZARE?

Per chi segue la Paleodieta, l’ideale è il latte di cocco.

Per tutti gli altri,  l’ideale sarebbe il latte crudo da agricoltura biologica e da mucche allevate al pascolo. Si può provare con altri tipi di latte, tipo quello di capra o di asina (per chi lo trova).

Per la fermentazione, utilizzare sempre latte a temperatura ambiente, considerata la sensibilità dei granuli che potrebbero morire se immersi in liquidi a temperatura alterata.

Per trovare il distributore di latte crudo alla spina più vicino, potete consultare la mappa di Milk Maps.

Se ti è piaciuto questo articolo, ti chiedo un piccolo favore. Un click sul pulsante +1 qui sotto. A te non costa niente, per me vale moltissimo.

 

Bibliografia Libri: Nourishing Traditions

consulenza-bottom

140 Commenti

  1. gennone timidoiracondo 24 febbraio 2013
    • Vito 16 dicembre 2015
    • eusebia 9 gennaio 2016
    • Raffaella 22 gennaio 2016
    • Brigitte 25 febbraio 2016
    • michele boccia 4 aprile 2016
    • Francesco 7 luglio 2016
    • Mauro 6 gennaio 2017
  2. elena 18 marzo 2013
    • daniele 14 giugno 2015
    • diego 8 luglio 2015
  3. Lucia 24 maggio 2013
    • gaetano 26 ottobre 2015
    • Rosa Amato 20 novembre 2015
    • nicola 17 gennaio 2016
    • simone 8 febbraio 2016
    • Stefano 24 aprile 2016
      • Livia 12 maggio 2016
    • Sara 28 giugno 2016
    • anna cesarini 18 ottobre 2016
    • Franck 15 gennaio 2017
      • stefania 20 gennaio 2017
    • paolo 24 febbraio 2017
  4. magdalenauga 10 giugno 2013
  5. gaby 23 giugno 2013
  6. giusy 19 luglio 2013
  7. Rita 15 agosto 2013
  8. maurizio 16 agosto 2013
  9. Emma 22 agosto 2013
    • Daniela 2 agosto 2015
  10. Luciana 5 ottobre 2013
  11. salvatore 17 ottobre 2013
  12. giacomo 4 novembre 2013
  13. paolo 14 novembre 2013
    • annagloria di bono 4 ottobre 2015
    • carlo 25 novembre 2015
  14. roberto 15 febbraio 2014
  15. Max 26 febbraio 2014
  16. Marina 3 marzo 2014
  17. Luca 17 marzo 2014
    • Daniela 2 agosto 2015
      • Pipistra 2 settembre 2015
  18. 57neri 26 marzo 2014
    • loris 23 maggio 2016
  19. Francesco 19 aprile 2014
  20. Giusi 18 maggio 2014
  21. MSAFIRI 4 giugno 2014
  22. Marco 8 giugno 2014
  23. Daniela 26 gennaio 2015
  24. nadia 11 marzo 2015
  25. Natalia 18 marzo 2015
  26. Michele 4 giugno 2015
    • Gabriele 15 giugno 2015
  27. BALDIZZONE ROBERTO 12 luglio 2015
  28. Victoria 18 ottobre 2015
  29. Cris 4 gennaio 2016
  30. francesca 23 gennaio 2016
  31. Renzo Berdini 10 febbraio 2016
    • Ornella 18 febbraio 2016
    • Franca 10 febbraio 2017
    • Francesca 27 febbraio 2017
  32. Luis Veliz 14 febbraio 2016
    • Stefania 19 settembre 2016
  33. Nadia 17 febbraio 2016
  34. Darja 10 marzo 2016
  35. sono interessatoal Kefir da latte sono di rimini se arrivano informazioni dove procurarselo.....grazie 12 luglio 2016
  36. rosalba 3 settembre 2016
  37. Aicha 10 ottobre 2016
  38. anna cesarini 18 ottobre 2016
  39. Luca 10 febbraio 2017
  40. Daniele 5 aprile 2017
  41. Gabriele 24 maggio 2013
  42. gioia 11 giugno 2013
  43. lorenzo 2 settembre 2013
  44. Elena 29 ottobre 2013
  45. Arianna Adorati Menegato 11 dicembre 2013
  46. 57neri 26 marzo 2014
  47. Emma Rosa Macellari 29 marzo 2014
  48. donatella 29 settembre 2014
  49. Cleonice 31 gennaio 2015
  50. adriana 22 febbraio 2015
  51. marco 26 maggio 2013
  52. pino 5 settembre 2014
  53. Gabriele 2 agosto 2013
  54. Gabriele 2 agosto 2013
  55. emanuele 15 settembre 2013
  56. DANIELE 26 settembre 2013
  57. Marco 29 settembre 2013
  58. Andrea 14 novembre 2013
  59. Bruno 19 novembre 2013
  60. Arianna Adorati Menegato 11 dicembre 2013
  61. Gabriele 6 ottobre 2013
  62. Bruno 19 ottobre 2013
  63. Doriana 4 novembre 2013
  64. giacomo 31 dicembre 2013
  65. Doriana 4 novembre 2013
  66. giacomo 4 novembre 2013
  67. giacomo 4 novembre 2013
  68. giacomo 19 novembre 2013
  69. giacomo 19 novembre 2013
  70. emanuele 20 novembre 2013
  71. emanuele 20 novembre 2013
  72. stefania 29 novembre 2013
  73. stefania 30 dicembre 2013
  74. gennone 31 dicembre 2013
  75. max 2 marzo 2014
  76. elena 14 gennaio 2014
  77. Lory 5 dicembre 2014
  78. anna maria 28 gennaio 2014
  79. yrbaF 27 settembre 2014
  80. gennone 29 gennaio 2014
  81. anna maria 29 gennaio 2014
  82. serena 13 febbraio 2014
  83. Elio Aureli 23 febbraio 2014
  84. Max 2 aprile 2014
  85. Francesco 19 aprile 2014
  86. Lory 5 dicembre 2014
  87. Giuseppe 1 maggio 2014
  88. marco 5 maggio 2014
  89. Gabriele 5 giugno 2014
  90. MSAFIRI 5 giugno 2014
  91. Gabriele 9 giugno 2014
  92. Elisa 10 ottobre 2014
  93. Lory 1 dicembre 2014
  94. Laura 6 febbraio 2015
  95. Caterina 22 giugno 2015
  96. Gabriele 24 giugno 2015
  97. nunzia volantini 22 luglio 2015

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi su Facebook ⇒
+