“Tigella” di Cavolfiore

A me non piace il cavolfiore. Ma in questo modo, ho trovato una formula per consumare con regolarità un alimento ricco di vitamina C, fosforo, potassio, calcio e ferro. Ricetta valida per aperitivi, realizzare mini sandwich farciti o piccoli crostini da spalmare con salse o ragù.

Ingredienti

  • Cavolfiore (800 grammi)
  • 2 uova
  • Sale e Pepe

Pita Paleo dieta

Preparazione

  1. Lavare e tagliare il cavolo eliminando la parte più robusta dei gambi
  2. Mettere nel microonde e scaldare per 4 minuti alla massima potenza (con intervallo di qualche secondo dopo i primi 2 minuti)
  3. Avvolgere il cavolo caldo in un panno e strizzare fino a far fuoriuscire gran parte dell’acqua
  4. Tritare tutto (la consistenza dev’essere più piccola del riso)
  5. In una ciotola versare il cavolo tritato, aggiungendo le uova, sale e pepe e mescolare il tutto fino a comporre un “impasto” abbastanza morbido
  6. Scaldare il forno a 180 °C
  7. Posare la carta da forno su una teglia
  8. Versare il composto a forma di disco sulla teglia ed infornare
  9. Lasciare cuocere per 10 minuti, quindi girare il composto sull’altro lato e cuocere per 5-7 minuti
  10. Togliere dal forno e lasciar raffreddare
  11. Per conferire il giusto colore e croccantezza, passare per qualche minuto in padella (senza aggiungere olio o altri grassi) su entrambi i lati.
  12. Farcire, spalmare, guarnire, servire e mangiare.

Attenzione alla fase di strizzamento. Rischio scottature. Munirsi di guanti e maneggiare con cura. Certo è che dopo uno strizzamento del genere, parte dei suoi nutrienti se ne va. Ma del resto non si può avere tutto dalla vita. O forse sì? 😉

Per agevolare il capovolgimento delle tigelle a metà cottura ed evitare che si attacchi alla carta da forno, aggiungere un po’ di ghee, olio di cocco (o altro grasso) sotto ogni disco di impasto.

Con le dosi summenzionate, potete aspirare a sfornare 8-10 tigelle.

Per rendere croccanti le tigelle, va bene una padella o una qualsiasi piastra (io utilizzo quella per le Crêpes).

Buon divertimento.

6 Commenti

  1. Corrado Penna 6 ottobre 2013
  2. Marta 25 ottobre 2013
  3. fabio 12 febbraio 2014
  4. Fabiana 30 giugno 2014
  5. lara 10 settembre 2016
  6. monia 17 maggio 2014

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguimi su Facebook ⇒
+